Skip to content

GB, anziana malata di shopping muore sepolta dai suoi acquisti

7 maggio 2010

l'articolo originale

Questo articolo è mitico: da sempre prendo un pò in giro il gentil sesso per questa sua caratteristica tutta particolare dello “shopping agonistico”!

Sono convinto che se alcune signore  o signorine sono fisicamente in forma, in parte lo devono alle “tirate” di ore per negozi a sfogliare attaccapanni, cercare in cestoni e provare vestiti nei camerini.
Poi, come premio a tutta questa fatica, in fondo è anche comprensibile che pensino di meritarsi qualche “gadget”, come si trattasse di tangibili trofei a ricordo di una giornata devastante di duro “lavoro” ma conclusasi con successo.
Ma, amici machi (suona bene: “Amicimaci”!!…), avete mai passato voi una giornata al mercato????
Magari da soli, senza la vostra donna che vi difende…
Il mercato non è quello che sembra: è una battaglia all’ultimo sangue, un luogo in cui le femmine umane sfogano i loro istinti più spietati e la loro aggressività al fine di garantire un paio di scarpe e un maglione per loro stesse e per i loro figli.
Una donna al mercato esprime il peggio di se: è capace di uccidere per un trench a 20 euro e non guarda in faccia a nessuno.
Un uomo non può sopravvivere al mercato. Un uomo che afferra una camicia in offerta verrebbe istantaneamente sbranato dalle donne che poi lo lascerebbero lì: una carcassa d’intralcio nell’indifferenza generale di chi lotta per la dura sopravvivenza nel mondo della moda.
Le leonesse lo fanno cacciando il cibo per i cuccioli. Le femmine umane cacciano indumenti e bigiotteria. E’ istinto.

Questo articolo è un riconoscimento al merito di questa grande cacciatrice, rimasta eroicamente schiacciata dal peso della sua stessa abilità.

Da “La Repubblica” dell’8 Gennaio 2009. Scaricabile qui.

STOCKPORT – Di shopping si può anche morire. La mania di comprare senza una reale necessità ma solo per il gusto di accumulare abiti, oggetti e cose è costata la vita a una donna in Inghilterra, rimasta letteralmente sepolta dal cumulo di acquisti di una vita intera. Una montagna di oggetti ha infatti sepolto viva una pensionata di 77 anni, nel suo bungalow a Stockport, nella contea metropolitana inglese della Greater Manchester. Ci sono voluti due giorni di lavoro e due squadre di sei poliziotti per rimuovere tutta la roba e trovare il cadavere dell’anziana Joan Cucanne.
Ogni camera della sua abitazione era piena di roba, ma non solo. Anche il garage e la sua auto, una Rover 100, “straripavano” di oggetti, la maggior parte dei quali ovviamente inutilizzati. Secondo il Daily Mail gli agenti della polizia hanno trovato di tutto: gadget, vestiti, ombrelli, candele, ornamenti, vasi, molti dei quali nuovi di zecca. “Da 16 anni, comprava tutto ciò che le capitava tra le mani, per il semplice piacere di far compere e non perché le cose le servissero realmente” ha raccontato il miglior amico della donna.
A dimostrare la sua affezione da shopping compulsivo possono bastare le 300 sciarpe di colori diversi che Joan possedeva. Di lei non si avevano notizie dal giorno di Santo Stefano, ma solo martedì gli amici, preoccupati, hanno segnalato la sua scomparsa.
La donna non è mai stata sposata, anche se aveva un figlio. “Era una donna piacevole, con una forte personalità e sempre di buon umore”. Così la ricordano gli amici e i vicini di casa. Nel suo bungalow viveva da sola e ogni settimana andava in chiesa. Nella sua mania era solita fare shopping nei centri commerciali di John Lewis, Marks and Spencer fino a tarda sera. Un’abitudine, o meglio un’ossessione, che le è costata la vita.

Due giorni per estrarla!! Ma vi rendete conto??? 🙂

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: