Skip to content

Postino in sciopero, colpa del cane

3 giugno 2010
tags: ,

l'articolo originale

Io coi cani ho in linea di massimi ottimi rapporti per quanto saltuari (non possiedo alcun animale. Se non posso garantirgli lo spazio e le condizioni vitali che meritano, penso sia meglio lasciar perdere…), mi rendo però conto che esistono persone con le quali esiste una grossa difficoltà di approccio.
Queste persone ne hanno paura, ed è difficile dire se la loro paura istighi ulteriormente i cani o se la loro paura sia stata invece causata dal ricorrente comportamento dei quadrupedi nei loro confronti… stà di fatto che alcune persone riescono, semplicemente con la loro presenza, a scatenare il lato peggiore dei nostri piccoli amici e questo è semplicemente un dato di fatto.
Se una di queste persone poi, dovesse vincere il concorso da postino, beh… auguri! 🙂

Dal mitico TGCom del 2 Gennaio 2006. Articolo richiamabile da qui.

ALVITO – In contrada “Fria” ad Alvito, in Ciociaria, il postino non suona mai due volte. Spesso neanche una. Tutta colpa di un cane randagio che da quattro mesi terrorizza l’impiegato delle poste, che per paura si rifiuta di recapitare lettere e pacchi. I cittadini però difendono il quadrupede, che hanno fatto diventare la loro mascotte. Alvito, ultimamente citato per ben altre ragioni (è il paese natale dell’ex governatore di Bankitalia), ora fa parlare per un “problema da cani”. Da una parte c’è un postino un po’ fifone, che ogni volta che deve andare a Fria viene terrorizzato da un grosso cane. “Quel cagnaccio quando vede l’auto bianca con su scritto Poste Italiane ringhia” ha dichiarato spaventato. Dall’altra parte ci sono i residenti della contrada che rispondono: “Non farebbe male a una mosca. Se ringhia appena vede il postino vuol dire allora che è colpa sua, gli avrà fatto senz’altro qualche dispetto”. Gli abitanti rivendicano anche il loro diritto di ricevere la posta nella buca delle lettere. Ormai tutti i giorni devono andare a ritirarla agli uffici centrali, per non perdere comunicazioni importanti. “Spesso – hanno denunciato – ritiriamo bollette ormai scadute”. Guardando alla Germania si potrebbe trovare un’efficace soluzione al braccio di ferro. I postini tedeschi, infatti, seguono con successo corsi di “Psicologia del cane”: lezioni pratiche e teoriche che insegnano ai dipendenti delle Poste come consegnare le lettere senza essere aggrediti. Provare per credere.

La Germania è sempre avanti…

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: