Skip to content

“Lei non entra, quel cane è gay”

6 agosto 2010

l'articolo originale

A volte penso che i giornalisti in certi casi traducano male delle notizie degli esteri o quantomeno che non la riportino nel contesto adeguato.
Altre volte penso che sono io ad essere un pò tardo e soprattuto ignorante a non sapere niente del mondo.
In questo caso non so se si tratta del giornalista oppure se si tratta di me, ma nel mio essere fuori dal mondo mi chiedo: Ma si può operare qualcuno per farlo diventare gay??? Ma lo fanno solo per i cani?? Come funziona questa operazione qua?? Gli sparano nel cervello delle sensazioni piacevoli mentre in un altra zona del cervello contemporaneamente gli sparano immagini di cani maschi??
E infine: Come fa un cameriere ad accorgersi al volo che un cane è gay? E se anche fosse gay, che gli frega a lui?
Ora, più che mai, vi prego di scrivere qualche commento e provare a farmi capire…
Vi prego.

Dal TGCom (strano, eh?) del 27 Aprile 2010. Accessibile da qui.

ADELAIDE (Australia) – Pensavano che il suo cane, un cane-guida per ciechi, fosse stato operato per diventare gay. E per questo motivo non lo hanno fatto entrare nel ristorante. E’ successo in Australia, ad Adelaide. Ma il cieco “discriminato” ha fatto causa e il Tribunale per le pari opportunità del Sud del Paese ha condannato il locale a una scusa scritta e a un risarcimento di 1.400 dollari.
Il fatto risale al maggio del 2009, quando Ian Jolly, 57 anni, voleva cenare al ristorante Thai Spice di Adelaide: l’ingresso gli fu rifiutato perchè un cameriere dello staff aveva giudicato “gay” il suo cane guida.
“Lo staff aveva pensato ingenuamente che Nudge (questo il nome dell’animale) fosse un normale cane da compagnia che era stato operato per diventare un cane gay”, hanno spiegato i proprietari in una dichiarazione davanti alla Corte del tribunale.
Adesso, ne dovranno pagare le conseguenze. Jolly ha infatti dichiarato che questo avvenimento lo aveva successivamente messo in imbarazzo quando doveva andare in altri ristoranti. “Io voglio semplicemente potere andare dovunque come tutti e avere la possibilità di uscire a cena, essere lasciato in pace e gustarmi un buon piatto”, ha dichiarato ai giornali australiani.

Annunci
One Comment leave one →
  1. Noemi permalink
    20 ottobre 2010 10:07

    Sarò sincera: mi sono posta la tua stessa domanda e sono arrivata a questa pagina cercando una risposta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: