Skip to content

Deridono guardalinee donna, sospesi

1 febbraio 2011

l'articolo originale

Le frasi che hanno “condannato” il futuro dei telecronisti si dice siano due: “Qualcuno farebbe bene a scendere in campo a spiegarle il fuorigioco” e “Le donne non conoscono il fuorigioco”.
Sulla seconda frase non c’è niente da dire: frase discriminante, razzista (sessista in questo caso) e di cattivissimo gusto.
Sulla prima frase invece permettetemi una difesa.
Una difesa a dire il vero fin troppo facile: la stessa frase l’ho sentita milioni di volte rivolta a guardalinee maschi e nonostante questo non si è mai scandalizzato nessuno!!
Il rischio del “razzismo” al contrario è sempre più presente: donne che vogliono pari diritti ma vogliono essere salvaguardate sotto alcuni aspetti più degli uomini. Oppure stranieri privilegiati rispetto ai nativi del paese.
Non sono maschilista o razzista.
E solo che penso sia giusto chiamare “UGUALE” quello che è veramente uguale.
Voglio PARI diritti per gli stranieri e voglio PARI trattamento per le donne. Punto.

Dal TGCom del 25 Gennaio 2011. A questo indirizzo l’articolo sorgente.

La tv britannica Sky Sports ha sospeso due suoi telecronisti per commenti giudicati sessisti sul conto di una guardalinee donna del campionato inglese. Andy Gray e Richard Keys a microfoni aperti, prima del match tra Wolverhampton e Liverpool, si sono scambiati commenti sulla guardalinee Sian Massey, giudicandola inadeguata al pari delle sue colleghe donne. Ora non andranno più in onda.
“Qualcuno farebbe bene a scendere in campo per spiegarle il fuorigioco” e “le donne non conoscono il fuorigioco” sono le frasi incriminate, costate ai due telecronisti la sospensione decisa da Sky e critiche da più parti.
“I loro commenti sono assolutamente inaccettabili”, ha affermato Barney Francis, direttore manageriale di Sky Sports, dopo avere comunicato ai due interessati i provvedimenti decisi per la vicenda: “Sono punti di vista imperdonabili, assolutamente incompatibili con la nostra filosofia aziendale e imprenditoriale, commenti che offendono molti dei nostri clienti, il nostro personale e un pubblico più vasto”, ha detto Francis.

Annunci
One Comment leave one →
  1. 6 febbraio 2011 15:10

    Bel blog e bel post davvero =)

    Torniamo a riflettere oggi (e non solo oggi) sulla questione della mutilazione genitale femminile.

    Il corpo di una dea va rispettato.

    La peggiore mutilazione è quella dell’anima, perché per quella non c’è protesi.

    Spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog:

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/02/06/mutilazioni/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: